Proteggere l’ambiente

Efficienza energetica. Gestione delle emissioni. Gestione dei rifiuti e dell'inquinamento. Gestione delle acque.

Le attività svolte presso le strutture del Gruppo comprendono una vasta gamma di processi di manifattura di metalli come:

  • Stampaggio acciaio e alluminio a freddo
  • Profilatura acciaio e alluminio
  • Assemblaggio di componenti metallici
  • Saldatura robotizzata
  • Verniciatura di componenti metallici
  • Taglio longitudinale e trasversale acciaio
  • Ricottura acciaio in forno e mediante trattamento termico

Tali processi richiedono il consumo di energia e acqua e l'uso di prodotti chimici e altri materiali, e il Gruppo è consapevole delle proprie responsabilità in merito agli impatti ambientali delle proprie attività. La protezione dell'ambiente attraverso la riduzione dei consumi, la protezione della biodiversità e la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra sono principi adottati dalla direzione aziendale e da tutti i suoi dipendenti nello svolgimento di ciascuna funzione e nell'esercizio dei rispettivi ruoli.

Il Gruppo svolge le proprie attività nel pieno rispetto delle normative e degli standard vigenti in ogni paese e si impegna a promuovere il miglioramento continuo e le iniziative di prevenzione nei propri processi produttivi per ridurre gli impatti ambientali negativi e ottimizzare l'uso delle risorse.

A tale scopo:

  • tutti gli stabilimenti del Gruppo sono tenuti a monitorare e raggiungere gli obiettivi di miglioramento annuali fissati per i principali indicatori relativi a emissioni, consumo di energia, rifiuti e consumo di acqua;
  • al 31 dicembre 2019 l'89% degli impianti ha ottenuto la certificazione ISO 14001;

Il Gruppo riconosce che, al fine di ridurre al minimo l'impatto della produzione dei suoi prodotti sull'ambiente, è importante che le questioni ambientali siano integrate nella gestione della catena di approvvigionamento dell'azienda, insieme ad altre considerazioni sugli appalti. Il dipartimento acquisti del Gruppo ha quindi progressivamente aumentato i requisiti affinché i fornitori si allineino con il Gruppo su questioni ambientali, con l'obiettivo di includere infine tali requisiti nei termini e condizioni di acquisto.


Efficienza energetica

Nel 2019, il consumo di energia del Gruppo è stato di circa 1,4 milioni di GJ, leggermente inferiore al livello dell'anno precedente.

Il Gruppo è consapevole che la protezione ambientale richiede l'ottimizzazione del consumo di energia, e ciò può essere ottenuto anche attraverso azioni quotidiane condotte negli stabilimenti e negli uffici. Gli stabilimenti sono incoraggiati a introdurre tecnologie innovative per ridurre il consumo di energia e ad attuare programmi di sensibilizzazione dei dipendenti e formazione sul risparmio energetico.

Il Gruppo sta attuando un programma per migrare verso contratti energetici derivati da fonti verdi o rinnovabili. Numerosi contratti sono già stati modificati, e ciò ha portato a un significativo aumento dell'energia acquistata da fonti ecologiche, e il Gruppo è impegnato a continuare questa iniziativa quando si presentano opportunità.


Gestione delle emissioni

Le emissioni di gas serra sono la causa principale dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale. Il Gruppo si impegna a lavorare per limitare la produzione di emissioni dei suoi impianti di produzione e per avviare iniziative correlate che contribuiscono all'impegno dell'Unione Europea (Accordo di Parigi) di mantenere l'innalzamento della temperatura globale a una temperatura inferiore di 2 ° C (35,6 ° F) rispetto ai livelli preindustriali.

Nel 2019 le emissioni dirette e indirette di gas serra del Gruppo sono state pari a 29 mila tonnellate di equivalente di anidride carbonica, una riduzione rispetto al 2018.
Il Gruppo promuove l'uso di misure di compensazione per le proprie emissioni di gas serra attraverso la creazione di spazi verdi per aumentare la cattura e il sequestro del carbonio, oltre a contribuire ad un aumento della biodiversità nelle aree vicine agli impianti di produzione. Ad oggi oltre 20 mila mq sono stati dedicati al greening, con oltre 1.200 alberi piantati.
Il focus principale per il Gruppo in futuro sarà la trasparenza sulla sua impronta di carbonio e progetti chiari per ridurre le emissioni, che sono ben allineati con gli obiettivi stabiliti dai nostri clienti.


Gestione dei rifiuti e dell'inquinamento

L'acciaio, che è di gran lunga la materia prima più utilizzata dal Gruppo, è il materiale più riciclabile e riciclato al mondo, in quanto è uno dei pochi materiali che non perde le sue proprietà quando viene riciclato.
L'acciaio è il principale materiale di scarto nei processi produttivi effettuati negli stabilimenti del Gruppo. Nel corso del 2019 il Gruppo ha rivenduto circa 300 mila tonnellate di metalli (acciaio e, in misura minore, alluminio) destinati al riciclaggio.

Il Gruppo produce solo piccole quantità di rifiuti pericolosi, che vengono sempre smaltiti attraverso enti debitamente autorizzati e pertanto l'obiettivo principale negli stabilimenti è la gestione dei rifiuti non pericolosi. Gli stabilimenti sono tenuti a mettere in atto processi e procedure per aumentare la percentuale di rifiuti riciclati e per sostituire materiali che non possono essere facilmente riciclati con quelli che possono essere invece riciclati. Esistono numerosi progetti di gestione dei rifiuti nei singoli stabilimenti e il nostro dipartimento centrale HSE si occupa di diffondere le idee migliori in tutto il Gruppo, con particolare attenzione alla promozione di un consumo sostenibile.
Il Gruppo è anche consapevole dell'impatto delle sue attività sulla popolazione locale, ad esempio da emissioni di polvere e rumore, inquinamento accidentale e congestione stradale, e richiede che ogni impianto minimizzi tali impatti al livello più basso possibile attraverso solide politiche e procedure.


Gestione delle acque

Gli impianti di produzione dei metalli richiedono l'uso e lo scarico dell'acqua in diversi processi. Una gestione incontrollata dell'acqua provoca impatti ambientali negativi, come la diminuzione dei volumi d'acqua disponibili e la modifica degli ecosistemi naturali. Pertanto, l'ottimizzazione dell'uso dell'acqua da parte delle nostre fabbriche e la gestione degli scarichi, sono i fattori chiave per le nostre operazioni insieme all'uso di fonti d'acqua alternative.

Nel corso del 2019 il Gruppo ha utilizzato 542 mila metri cubi di acqua, con una riduzione del 6% rispetto all'anno precedente. 


2019 542,120 (-6% vs 2018) 

2018 575,754 

2017 652,076 

Questa riduzione, ottenuta nonostante l'aumento della produzione, è il risultato dell'ottimizzazione del processo di consumo intrapreso dal Gruppo, unitamente al monitoraggio regolare delle prestazioni di ciascun impianto.

fonte dati: CLN Corporate Social Responsibility Report 2019