Proteggere l’ambiente

Efficienza energetica. Gestione delle emissioni. Gestione degli scarti di produzione e dei rifiuti. Gestione delle acque.

Le produzioni degli stabilimenti del Gruppo si riferiscono a un’ampia gamma di processi di manifattura del metallo.
I principali processi e le tecnologie applicati al metallo attualmente utilizzati sono:

  • Stampaggio acciaio e alluminio a freddo
  • Profilatura acciaio e alluminio
  • Assemblaggio di componenti metallici mediante saldatura robotizzata
  • Verniciatura di componenti metallici (cataforesi, polvere/liquido a finire)
  • Taglio longitudinale e trasversale acciaio
  • Rilaminazione a freddo acciaio
  • Ricottura acciaio in forno e mediante trattamento termico

In misura diversa tali processi richiedono l’utilizzo di fattori produttivi e l’impiego di risorse energetiche, determinando pertanto impatti ambientali.
La creazione del valore, sostenuta attraverso una crescita prospera e socialmente responsabile, deve considerare la tutela ambientale come un fattore chiave da promuovere nell’approccio generale alle attività aziendali. L’integrità dell’ambiente e la tutela di tutti coloro i quali prestano la propria attività negli stabilimenti del Gruppo costituiscono valori imprescindibili per il management aziendale e per ogni lavoratore, ciascuno secondo le proprie attribuzioni e competenze.
In coerenza con il perseguimento di tali valori ed obiettivi, il Gruppo svolge la propria attività nel rispetto delle disposizioni normative vigenti e si impegna, inoltre, a promuovere iniziative ispirate a logiche di miglioramento continuo e di prevenzione dei processi produttivi. Questo comprende lo sviluppo e l’estensione di procedure quanto più basate sui principi fondamentali della riduzione al minimo dell’impatto ambientale e sull’ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse.
A riprova dell’impegno del Gruppo in tal senso, si segnala che:

  • a tutti gli stabilimenti del Gruppo è richiesto e monitorato il raggiungimento di target di miglioramento annuale dei principali indicatori inerenti emissioni, consumi energetici e consumi idrici;
  • il 76% degli stabilimenti ha conseguito la certificazione ISO 14001 con l’obiettivo di raggiungere l’85% entro il 2020.

Efficienza energetica

Nel corso del 2017 il Gruppo ha consumato energia per circa 1,5 milioni di GJ, in prevalenza sotto forma di energia elettrica (59%). I consumi energetici risultano in crescita rispetto al 2016 di circa il 6% a fronte di una crescita dei volumi di produzione, che il Gruppo valuta sotto forma di ore lavorate complessive, pari a circa il 12%. Ne consegue una contrazione del rapporto di energy intensity pari a circa il 6% rispetto all’anno precedente.
I consumi elettrici riguardano sia gli impianti di produzione sia gli uffici amministrativi, mentre i consumi di carburante derivano esclusivamente dalla produzione di calore nel sistema di riscaldamento degli stabili (non viene utilizzato carborante come per la produzione). La tutela ambientale deve essere perseguita anzitutto tramite l’ottimizzazione dei consumi energetici e tale obiettivo può essere raggiunto anche grazie a piccole azioni quotidiane negli stabilimenti produttivi e negli uffici. A tal fine nel 2017 sono state condotte campagne di comunicazione per diffondere alcuni Top Tips volti a promuovere la consapevolezza ambientale tra il personale e ridurre l’impatto ambientale attraverso alcune semplici ma efficaci regole di condotta, quali l’utilizzo consapevole dei sistemi di riscaldamento e di raffreddamento dei locali e l’impiego di sistemi di illuminazione efficienti.


Gestione delle emissioni

Le emissioni di gas serra sono la causa principale dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale.
Il Gruppo si impegna a controllare il volume delle emissioni rilasciate dagli impianti di produzione e avviare iniziative per la riduzione delle emissioni per contribuire all’impegno dell’Unione europea (Accordo di Parigi) di mantenere un aumento globale della temperatura al di sotto di 2 °C rispetto ai livelli preindustriali.
Nel 2017 le emissioni dirette e indirette di gas a effetto serra sono state pari a 33.959 tonnellate equivalenti di anidride carbonica, in crescita di circa il 7% rispetto al 2016 in coerenza con la crescita dei volumi di produzione.


 


Gestione degli scarti di produzione e dei rifiuti

L’acciaio, che rappresenta di gran lunga la principale materia prima utilizza dal Gruppo, è il materiale più riciclabile (al 100%) e riciclato al mondo e questo perché l’acciaio è uno dei pochi materiali che non perdono le loro proprietà quando vengono riciclati.
Proprio l’acciaio rappresenta il principale materiale di scarto dei processi di lavorazione negli stabilimenti del Gruppo. Nel corso del 2017 il Gruppo ha rivenduto per successivo riciclo circa 300 mila tonnellate di metallo (acciaio e in misura inferiore alluminio).
Il dato complessivo del metallo riciclato rappresenta la componente più significativa dei rifiuti non pericolosi prodotti dal Gruppo. A questi si aggiungono i rifiuti classificabili come pericolosi (principalmente olii esausti e vernici) in accordo alle normative vigenti a livello locale che, nel 2017, hanno rappresentato solo l’1% dei rifiuti totali.


Gestione delle acque

Gli impianti di lavorazione del metallo richiedono l’utilizzo di acqua di processo e di raffreddamento. Un consumo incontrollato di acqua causa impatti negativi sull’ambiente, come la riduzione di volume di acqua disponibile e l’alterazione dei naturali funzionamenti degli ecosistemi. L’ottimizzazione dell’uso di acqua è importante, in quanto lo stesso può ridurre il loro impatto ecologico, riducendo l’influenza sulle fonti d’acqua; inoltre, i costi operativi possono risentirne positivamente.
Nel 2017 gli utilizzi di acqua da parte del Gruppo sono stati pari a 680 mila metri cubi in riduzione di oltre il 2% rispetto all’anno precedente.



Tale contrazione, conseguita nonostante la crescita delle attività, trae origine dal continuo processo di ottimizzazione dei consumi intrapreso dal Gruppo. In tal senso si colloca il “Progetto di efficienza dell’acqua” (“Water efficiency project”) intrapreso dalla Divisione MA per incoraggiare gli stabilimenti produttivi a intraprendere azioni sostanziali di efficientamento.

 

fonte dati: Bilancio 2017